Serie C: tutto quello che c’è da sapere

DiSereM

Serie C: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche tempo fa, la Serie C aveva cambiato nome, diventando Lega Pro, per poi ritornare a quello originale che tutti conosciamo. Ma come funziona il campionato di Serie C e quali sono le cose da sapere in merito a playoff e playout?

Vediamo tutto nel dettaglio, così da avere le idee chiare anche in caso di pronostici e scommesse.

Serie C: promozioni e retrocessioni

Quando si parla di Serie C si deve sempre prendere in considerazione quello che è il regolamento per promozioni e retrocessioni. Del resto, si tratta proprio di quello che muove tutto il Campionato ed è per questo motivo che è importante capire come si sale in Serie B e come, invece, si scende.

La Serie C prevede sia i playoff che i playout ed è per questo motivo che risulta importante capire alcune dinamiche che la movimentano.

Partecipano ai playoff 28 squadre. Tra queste, 7 per ciascuno dei tre gironi e, quindi, 21 in totale, sono chiamate a disputare i playoff relativi a ciascun girone, mentre 7 sono ammesse a quelli nazionali in maniera diretta.

serie C

Quando si parla di playoff di girone, quindi, si deve entrare nello specifico. Come detto, vi prendono parte quelle che sono le sette squadre che si sono piazzate tra il quarto e il decimo posto del girone che si prende in considerazione. Se tra esse c’è anche una delle squadre ammesse di diritto ai playoff nazionli, allora accede la undicesima classificata.

Chi si classifica meglio tra queste sette squadre viene ammessa direttamente al secondo turno, mentre le altre hanno l’obbligo di giocare il primo turno. Sia il primo che il secondo turno sono a eliminazione diretta e c’è una sola competizione. Se si raggiunge un punteggio di parità non sono previsti tempi supplementari e neppure i tanto amati calci di rigore. Cosa accade, quindi? Si guarda la squadra meglio classificata e, quindi, quella che ha giocato in casa.

Primo e secondo turno dei playoff

Vediamo, quindi, come si disputano il primo e il secondo turno dei playoff di girone. Come detto, la quarta classificata nella classifica generale passa in maniera diretta al secondo turno, mentre le altre si scontrano in tre incontri che prevedono una partita tra la quinta e la decima, la sesta e la nona, la settima e l’ottava.

Le tre squadre vincenti, si affrontano poi nel secondo turno. In questo caso si scontrano quella che è la squadra che era stata ammessa automaticamente al secondo turno e la peggiore classificata tra quelle che sono le vincitrici del primo turno. Le altre due vincitrici si sfidano tra loro e passano alla fase nazionale quelle vincenti dei due incontri.

Playoff fase nazionale

Qui si battono 13 squadre che sono le 7 ammesse di diritto e le 6 vincitrici del secondo turno di cui sopra. Anche qui ci sono due turni e ci sono gare di andata e ritorno. Sono 3 le squadre che vengono ammesse di diritto al secondo turno mentre le altre 10 vanno a scontrarsi nel primo turno. Al secondo turno, invece, partecipano 8 squadre che comprendono le 5 qualificate dal primo turno assieme alle 3 arrivate seconde nei vari gironi.

Le squadre che vincono questo secondo turno passano alla fase definita Final Four che decreta chi sale in Serie B.

Retrocessione da Serie C a Serie D

Per quel che concerne, invece, le retrocessioni in Serie D si deve sottolineare che le cose cambiano spesso. Al momento sono 7 le squadre che retrocedono e tutto ciò viene deciso da tre gironi di playout.

Si tratta di gironi che prevedono gare di andata e ritorno e che hanno luogo se il distacco tra due squadre non è maggiore di 8 punti. Se il divario è superato, la squadra più bassa in classifica retrocede in maniera automatica.

Info sull'autore

SereM editor

Lascia una risposta